Expensive Champagne Champagne Glasses Champagne Cocktails Champagne Flutes Champagne Yeast Champagne Brands

Copie atti stipulati

Quando è possibile richiedere la copia di un atto.

Come fare e cosa fare per richiederla.

  • l’atto pubblico, una volta confezionato, è res publica che il notaio è tenuto soltanto a custodire; come tale egli deve rilasciarne copia autentica a chiunque ne abbia interesse. Le norme che prescrivono questo obbligo sono gli artt. 1, 67, 68 e 69 della legge notarile ed altresì l’art. 743 c.p.c., il quale ultimo prevede l’obbligo di qualunque depositario pubblico, autorizzato a spedire copia di quanto detiene, a rilasciare copia autentica a chiunque ne abbia interesse, anche se non si tratti di soggetto che sia stato parte nell’atto depositato. Per effetto di questa norma nessun notaio può rifiutare di rilasciare copia dell’atto pubblico conservato a chiunque ne faccia richiesta, senza alcuna possibilità di porre ostacoli derivanti da privacy o dal segreto professionale.
  • La richiesta di copia autentica di un atto presuppone che il richiedente effettui la richiesta in modo circostanziato, non essendo compito del notaio fornire indicazione se esista o meno un atto pubblico tra i suoi atti. Se l’unica finestra aperta per il comportamento del notaio è il rilascio di copia autentica, occorre che il richiedente sia certo che la copia esiste e che egli ponga il notaio nella condizione di addivenire rapidamente all’individuazione dell’atto: numero di repertorio, numero di raccolta, nome delle parti, data dell’atto; questo sarebbe l’optimum, ma certamente basterebbe l’indicazione delle parti, poiché il notaio ha uno strumento apposito per risalire dalle parti all’atto richiesto.
  • E’ evidente che l’obbligo di rilascio di copia autentica, avendo come punto di riferimento un atto conservato dal notaio(infatti l’obbligo è strettamente collegato alla funzione di custodia che fa capo al notaio) presuppone che l’atto da ricercare e da copiare sia un atto conservato. Va da sé che tutti gli atti che il notaio conserva in modo informale (documentazione acquisita, depositi fiduciari etc.) non rientrano nell’obbligo di rilascio di copia e sono fatti salvi dal divieto di intaccare il segreto professionale.
  • La richiesta di conoscere se un determinato soggetto ha affidato incarico professionale al notaio allo scopo di porre un atto di compravendita di un bene non può essere accolta se non infrangendo il segreto professionale e pertanto il notaio non deve aderire ad essa.
  • Infine, se si tratta di scrittura privata autenticata, se questa sia stata rilasciata in originale alle parti, il notaio non ha alcun obbligo in proposito. Se invece la scrittura autenticata sia stata conservata a raccolta, il notaio, come custode pubblico del documento, è tenuto a comportarsi alla stessa stregua dell’atto notarile conservato ai suoi atti.

Per richiedere la copia di un atto stipulato inviare una richiesta circostanziata compilando il form sottostante:

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero telefonico (richiesto)

Mese/anno della pratica

Oggetto

La tua richiesta

Privacy